Autori Online - Gruppo Cultura Italia

 

 

 

Associazione Giuseppe Jovine

 

 

 

 

 

 

 

Il Poeta

 

 

 

 

 

Giuseppe Jovine

(Castelmauro, CB, 1922 - 1998)

Giuseppe Jovine viene considerato uno dei maggiori poeti italiani contemporanei.

Nipote di Francesco Jovine (l’indimenticato autore de Le terre del Sacramento), ha nobilitato il senso di una tradizione prestigiosa con un’intensa produzione letteraria che ha meritato l’attenzione degli scrittori e dei critici più autorevoli (da Bigiaretti ad Argan, da De Mauro a Petrucciani, a Manacorda, a Citati, a Luzi).

Nonostante gli impegni quale docente e preside presso gli Istituti superiori e le sue intense attività culturali nella Capitale, mantenne sempre un fortissimo legame con la sua Terra di Molise, che si rivela nell’ispirazione profonda delle sue opere.

Collaboratore di “Paese Sera”, “l’Unità”, “Il Tempo”, fondò con Tommaso Fiore la rivista “Risveglio del Mezzogiorno” e svolse attività di conferenziere in Italia e all’estero.

Tra le sue opere più importanti, vanno ricordati i volumi di poesie in dialetto molisano Lu Pavone (1970) e Chi sa se passa u’Patraterne (1992); le raccolte di racconti La Luna e la Montagna (1972) e La “Sdrenga” (Racconti popolari anonimi molisani, 1989); l’antologia di versi in lingua Tra il Biferno e la Moscova (1975); e i saggi critici La poesia di Albino Pierro (1965) e Benedetti Molisani (1996).

A cura del figlio Carlo Jovine, sono stati pubblicati postumi il volume di racconti Gente alla Balduina (prefazione di Stanislao Nievo, 2005 Marsilio Editore) e il volume di poesie Viaggio d’inverno (1999, Ed. Enne), a proposito del quale ha scritto Francesco D’Episcopo: “Un patto poetico affidato alla certezza che troppo spesso si può morire da vivi e si può invece continuare a vivere da morti”.

 

 

 

 

 

 

 

Ricordando mio padre

Giuseppe Jovine

 

Nella triste e religiosa ricerca che ogni figlio intraprende dopo la morte  dei propri cari, ho trovato tra i tanti libri e le tante carte che mio padre gelosamente custodiva, una raccolta di poesie inedite intitolata “Viaggio d’inverno”: ne ho curato io stesso un’edizione postuma, pubblicata dalle Edizioni Enne.

Scrive Francesco D’Episcopo nella prefazione: «Un Ulisse molisano e mediterraneo, sempre pronto a ripartire per nuove avventure e nuove sfide, tentando le colonne d’Ercole di una possibile fine. Ma si può finire davvero? Ci si può solo addormentare, facendo finta di star fermi, come bambini impertinenti. La parola, l’amore continuano la vita oltre ogni possibile arresto cardiaco; la poesia, soprattutto questa poesia tanto vicina alla morte, a quest’ultima vuole parlare e raccontare una nenia di confidenza e d’amicizia. Un patto poetico, affidato alla certezza che troppo spesso si può morire da vivi e si può invece continuare a vivere da morti».

Un giudizio, quello di D’Episcopo, che coglie due aspetti essenziali della personalità poetica di mio padre: la vitalità e la “molisanità”, andando ad aggiungersi all’ampio repertorio critico – da Bigiaretti ad Argan, da De Mauro a Petrucciani, da Citati a Luzi – che, ancor prima della morte (avvenuta il 29 agosto 1998), aveva proiettato Giuseppe Jovine nel ristretto novero dei più significativi poeti del secondo Novecento.

Tra i suoi libri più importanti, vanno ricordati: le poesie in dialetto molisano “Lu Pavone” (1970) e “Chi sa se passa u’ Patraterne” (1992); le raccolte di racconti “La Luna e la Montagna” (1972) e “La sdrenga” (1989); l’antologia di versi in lingua “Tra il Biferno e la Moscova” (1975); e i saggi critici “La poesia di Albino Pierro” (1965) e “Benedetti Molisani” (1996); oltre al prestigioso volume antologico che l’editore Peter Lang di New York volle dedicargli nel ‘93, con la traduzione in lingua inglese dei suoi versi a cura di Luigi Bonaffini.

Il dialogo con la propria terra era per mio padre conversazione con sé stesso, con la propria storia, attorno alle domande che inquietano gli uomini, in un groviglio di memorie personali e collettive. Nel suo poetare egli affidava alla lingua e al dialetto la riscoperta del reale nei suoi mille piccoli particolari in cui come per magia veniva a racchiudersi un significato universale.

La poesia rappresentava per lui lo stupore dinanzi alla varietà e al mistero della vita, sempre riavvertito come una musica magica che scandisce ritmi solenni del tempo che tornano nella memoria, e per la memoria, a porre le basi per una rinascita dell’uomo, per una riappropriazione e una presa di coscienza delle sue radici, della sua dignità, dei suoi valori più profondi.

Nella sua poesia c’è sempre stato un profondo interesse culturale a recuperare e riproporre nei suoi termini più affabulanti una civiltà antica e contadina che ha i suoi punti di forza nel marcato rapporto tra l’uomo e la natura, tra l’uomo e i suoi sentimenti.

Così scriveva in una lettera all’amico Mons. Vincenzo Ferrara: «Importante è per me organizzare la vita secondo giustizia e lottare per il trionfo del bene, del vero e del bello. Importante è vivere col gusto di tali valori, in armonia con le cose, con la natura e sentire la musica e meravigliarsene e godere delle albe e dei tramonti ed amare la vita semplice secondo i ritmi di una attività umana e non bestiale, in sostanza, con la buona creanza e la morigeratezza che sono poi le virtù tradizionali del Molise».

 

  Carlo Jovine

 

 

 

 

Il poeta Giuseppe Jovine con la nipotina Silvia

nella biblioteca del Palazzo ducale di Castelmauro

 

 

 

 

 

Orbisphera social network

 

 

AutoriOnline

 

 

Fondazione

Ippolito Nievo

 

 

Universitas

Montaliana di Poesia

 

Fondazione

Etica ed Economia

 

Fondazione

Rita Levi Montalcini

 

 

Alexander Palace

Museum

 

 

Caffè Letterario Roma

 

 

Futurarte

 

 

Associazione per la

tutela degli autori

di opere dell'ingegno

 

 

Hexcogito

Società Information

Technology

 

 

Unesco

 

 

Ministero dei Beni

e delle Attività Culturali

e del Turismo

 

 

Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca

 

 

Società Italiana

Autori Editori

 

 

 

 

 

 

www.orbisphera.com